Laminato, disponibili in diversi colori e prezzirappresentano una valida alternativa al parquet.

Perché creare un pavimento che somigli al parquet se già esiste il parquet? E perché una persona dovrebbe acquistarlo? Sono questi i primi quesiti che probabilmente vi sono venuti in mente leggendo l’introduzione di questo articolo. La risposta è semplice: perché i pavimenti in laminato hanno un prezzo più basso e sono più semplici da pulire. Inoltre ce ne sono alcuni che sono delle perfette imitazioni del parquet: la differenza può essere davvero impercettibile.

 

Pavimenti in laminato: colori e prezzi

I colori dei pavimenti in laminato sono tanti quante sono le sfumature del color legno. Dunque, quale colore scegliere? Come sempre, la scelta giusta sarà collegata all’arredamento della vostra dimora e allo stile che volete dare ad essa. Il laminato può rendere un ambiente rustico ed elegante allo stesso tempo. Potrete optare per un prodotto dall’effetto naturale, sarà meglio se di buona qualità, che riporti tutte le venature e i nodi naturalmente presenti sul legno. Oppure, potrete scegliere un pavimento in laminato dal colore scuro e lucido, per i vostri ambienti total black. Esistono anche dei laminati effetto pietra, oppure molto chiari. Insomma, se studiate bene gli abbinamenti di colore il laminato vi sorprenderà.

I prezzi dei pavimenti in laminato vanno in media dai cinque ai quaranta euro. Ovviamente, quasi sempre, il prezzo è correlato alla qualità. Ma talvolta si trovano anche delle ottime combinazioni qualità/prezzo. I fattori che dovrete valutare prima dell’acquisto di un laminato sono la resistenza al calpestio, che varia da 1 a 5 e viene indicata con la sigla AC, e lo spessore del prodotto. In genere esso più variare dai 6 ai 12 millimetri: meglio dirigere la vostra scelta verso laminati più doppi, saranno anche più resistenti.

 

Come pulire un finto parquet

Il finto parquet, un altro modo con cui si è soliti chiamare il pavimento laminato, come abbiamo accennato è molto più resistente del parquet classico. Esso assorbe, infatti, di meno l’umidità ed inoltre si graffia molto più raramente. Tuttavia ci sono degli accorgimenti che non è male prendere in considerazione, come quella di utilizzare una scopa con setole non troppo dure oppure di evitare l’uso di prodotti troppo aggressivi. In generale, sono da evitare tutti i detersivi contenenti ammoniaca. Molti ignorano che esistono dei rimedi naturali per detergete il finto parquet, altrettanto efficaci e meno inquinanti. Tra questi, vi consigliamo di provare a miscelare in tre litri d’acqua tiepida mezzo bicchiere di vino bianco e un bicchiere di alcol: il risultato sarà quello di un pavimento ben disinfettato e lucido. Per lavare i pavimenti cercate di usare sempre un panno ben strizzato, per preservare la lucentezza del laminato.

 

Fai da te: come montare un pavimento in laminato

Tra i vantaggi dell’avere un pavimento di questo tipo vi è la semplicità della messa in posa. Così come per i pavimenti in resina – per saperne di più leggi l’articolo “Pavimento in resina pro e contro per decorare la tua casa al meglio – per montare un pavimento in laminato non è necessario rimuovere le precedenti mattonelle.

La prima cosa da fare è misurare tutti gli spazi che si desidera rivestire con il pavimento in laminato che avete scelto. Per ogni stanza o area vi consigliamo di calcolare sempre un 10-15 percento in più di prodotto, per eventuali imprevisti. La posa del laminato è definita “flottante“. In pratica, per fissare le tavole si usa una tecnica ad incastro che non prevede l’utilizzo di collanti. Prima di procedere è consigliabile rivestire il vecchio pavimento con un tappetino isolante: i più comuni sono in polistirene, in sughero e in fibra cellulosa. Questo strato permetterà di ammortizzare i rumori e di rendere il pavimento più elastico e resistente. Per mantenere ancora più elastico il finto parquet, è consigliabile depositarlo in casa almeno un giorno prima della messa in posa. In questo modo assorbirà l’umidità e la temperatura dell’ambiente.

Ancora due consigli. Prima di unire le doghe, utilizzate del sigillante a base di silicone: renderà impermeabile il vostro laminato. Infine, lasciate sempre un centimetro tra il pavimento ed il perimetro della stanza. Quest’ultimo accorgimento vi permetterà di tutelarvi dagli inevitabili assestamenti della superficie. Buon lavoro!